Passa ai contenuti principali

Chi sono

Dunque, la doverosa pagina del bravo ragazzo che si presenta, devo pur metterci qualcosa e... hummm, vediamo... elenco puntato!
  • Un essere umano nato e cresciuto in Puglia;
  • Un bimbo affascinato dalla tecnologia che (come tanti altri geek) negli anni è diventato un consulente informatico;
  • Un adolescente innamorato delle discipline orientali, da sempre studente di arti marziali e, da una quindicina d'anni, insegnante di Wing Chun Gung Fu;
  • Un amante degli animali;
  • Un "fotografo", si, con le virgolette, perché con la fotografia mi capita di lavorarci ed anche spesso, ma è prevalentemente una passione, non una fonte di reddito;
  • Un nerd, forse atipico, ma inutile mentire: il mio portachiavi è un Millennium Falcon, ho l'ottimismo di Parappa-the-rapper e quando sono teso fischietto la marcia imperiale;
  • Un blogger? Boh... di fatto si per tanto tempo, ma in realtà è che semplicemente mi è sempre piaciuto condividere e, soprattutto, scrivere mi rilassa.
  • Un freelance attivo nei settori del Digital Marketing e della Comunicazione.
  • Un mix di cose che ovviamente non si possono scrivere qui.

...e "Kensho"?

Kensho è tecnicamente l'unione di due parole in Giapponese: ken ("vista/vedere") e shō ("natura/essenza"), che sono un "prestito linguistico" ("loanword") da una traduzione già effettuata in Cinese (con il termine "jianxing", ovvero "jian" e "xing", "vedere/percepire" ed "essenza/natura") da due parole in Sanscrito: rispettivamente "dṛṣṭi" e "svabhāva". (E direi che ci fermiamo qui.)

I significati di Kensho sono qualcosa in cui è facile perdersi, per i quali uno studio filosofico, o l'avvicinamento alla dottrina buddista,  sarebbero molto più indicati di questo blog che, di fatto, è poco più di un crogiòlo di pensieri, peraltro alimentato senza scadenze, ogni qual volta mi vien voglia di scrivere.

Kensho è al contempo intuizione ed esperienza, definisce se stesso e viene definito.
Nella sua trascrizione più semplice, Kensho, è l'osservare la natura di qualcuno.

Nel mondo buddista, nella tradizione Zen (dal Cinese "Chán"; dal Sanscrito "dhyāna", ovvero "vista") ho avuto a che fare parecchie volte con il termine e con l'idea di Kensho, pian piano mi ci sono anche affezionato e, nel tempo, è diventato di fatto un nickname.

È tutto un po' strano, ma se siete arrivati fin qui è perché siete curiosi e, probabilmente, ora vi trovereste in ogni caso alle prese con qualcosa di nuovo, beh... basta così. ;P


Ecco i post più letti del blog:

TEDx Taranto - Sulle nuvole viaggiano le idee...

Giulia Innocenzi intervista il direttore artistico dell'evento. "Ideas worth spreading". Sono le parole che racchiudono i principi del marchio TED , un acronimo molto famoso che, se non conoscete, meriterebbe una piccola ricerca: troverete tantissime pagine, più o meno ufficali, che spiegano in dettaglio cos'è esattamente il TED ... e poi vi si aprirà un mondo di contenuti che viaggiano tra i mondi " Technology Entertainment Design ". In questo caso trattavasi di un evento indipendente, legato al già citato format, organizzato da un gruppo di giovanissimi pugliesi che, armati di una passione per la cultura davvero sorprendente, hanno invitato professionisti ed attivisti di diversi settori a divulgare scienza, arte, sport, idee, studi su nuove tecnologie e progetti umanitari. Hanno aperto l'evento il bravissimo musicista Marco Schnabl (di cui sono immediatamente diventato fan), con una splendida performance ( link al suo ultimo lavoro ), e l

Funk Duo nel centro di Bari

"Funk 2uo": Vincenzo Gentile (tastiere) - Elio Arcieri (Voce) Di nuovo nel centro cittadino, di nuovo per la musica live, di nuovo al That's All. Ieri ero lì con amici per ascoltare i "Funk 2uo", duo di musicisti che prende vita dalla voce di Elio Arcieri e dalle tastiere di Vincenzo Gentile, e che propone la sua selezione di "funk, soul, lounge-bossa e jazz" attraverso brani di Jamiroquai, Terence Trent D'Arby, Pino Daniele, Sting e tanti altri... adattati al progetto musicale in maniera molto, molto interessante. L'interpretazione di alcuni brani è molto personalizzata, qualche fan degli artisti ripresi potrebbe non esserne entusiasta ma, soggettività a parte, lo spettacolo offerto è davvero ottimo: la voce, che conoscevo appena, è stata una piacevole conferma, coinvolgendo non poca curiosità (specialmente durante una bellissima "Set them free"); mentre le tastiere erano sotto le mani di una conoscenza trentennale, ed

Presentazione del rapporto "FUORI CAMPO" di Medici Senza Frontiere a Bari.

Ho provato vergogna. Arrivo a dibattito iniziato, ascolto, chiedo del materiale, apro, sfoglio... e subito salta all'occhio uno specchietto, uno su tutti, quello che riflette le immagini della città in cui vivo, e che riporta: "BARI, EX SET - Nel novembre 2014 il Comune di Bari trasferisce circa 170 rifugiati, provenienti da Corno d’Africa e Africa subsahariana e arrivati in Italia nel 2011 durante la cosiddetta “Emergenza Nord Africa”, da una struttura occupata - l’ex convento di “Santa Chiara” - in una tendopoli allestita all’interno di una fabbrica dismessa, l’Ex Set. L’intenzione è di limitare la permanenza a un massimo di 45 giorni, prima di procedere al trasferimento in un luogo più idoneo. I rifugiati si trovano tuttora nel capannone dell'Ex Set. Le condizioni di vita nella tendopoli sono indegne. Non ci sono porte e le finestre sono rotte. Escrementi di piccioni sono ovunque. In almeno un’occasione uno dei rifugiati è stato costretto a ricorrere alle cure di