Passa ai contenuti principali

Rogue one - A Star Wars Story

Che cos'è Rogue One?

È uno spin-off della saga di Star Wars che si colloca tra gli episodi coi numeretti  più bassi, ma usciti dopo, e quelli coi numeretti più alti, però usciti prima.

Un sorridente manipolo di fan pronti alla visione della versione in lingua originale!

Facciamo uno schemino semplice semplice:

Prima Trilogia (prodotta dopo, nel 1999)
-Episodio I - La minaccia fantasma
-Episodio II - L'attacco dei cloni
-Episodio III - La vendetta dei Sith

Spin-off - Rogue One: a star wars story (2016)

Seconda Trilogia (prodotta prima, nel 1977)
-Episodio IV - Una nuova speranza
-Episodio V - L'impero colpisce ancora
-Episodio VI - Il ritorno dello Jedi

Terza Trilogia (in corso, iniziata nel 2015)
-Episodio VII - Il risveglio della forza
-Episodio VIII - Gli ultimi Jedi

I mezzi presentati sono una gioia per gli occhi!


Non è semplice parlare di Rogue One...

Non avrei MAI creduto, in passato, che mi sarei ritrovato a guardare uno... spin-off-non-spin-off.... di Star Wars, che:

-Sarebbe stato prodotto da Disney...

-Avrebbe in parte disconosciuto l'operato di George Lucas...

-Avrebbe intimato a Williams: "Hey, Johnny, dunque... a sto giro devi cercare di non farti riconoscere dai fan, ti farai chiamare Michael G."...

-Avrebbe avuto un format del tutto diverso da quello di sette capitoli "precedenti", spalmati in un quarantennio di produzione...

-Avrebbe coinvolto nel cast Forest Withaker (che mi stupì con "Ghost Dog", nel '99), Donnie Yen (che mi ha fatto divertire in "Ip Man"), Mads Mikkelsen (che mi è piaciuto parecchio in "Hannibal") nonchè la controfigura digitale della giovane Carrie Fisher...

Non sarebbe stato stracolmo di sciabolate laser e di Jedi/Sith che si... sforzano... (Dannazione, Withaker era perfetto con l'Hagakure*...)

*(L'Hagakure - il codice del samurai - è un antico testo di Yamamoto Tsunetomo a cui è in parte dedicato il film "Ghost Dog", il cui protagonista, un giovane Whitaker, prova a farsi strada a colpi di onore, pugni, katana e citazioni.)

Già... perchè Rogue One, con l'ormai stracitato pensiero de "le ribellioni si fondano sulla speranza", è più un fan-movie sulla forza... che un film su LA forza.

Infatti, uno che dell'unverso Lucasfilm non ne sa nulla... può comunque guardare il film, e noterà in ogni caso che, si, c'è qualcosa che circonda e penetra eventi, azioni, scelte, personaggi... che tiene unite le cose e manda avanti l'universo tutto... ma per questi, che nulla conosce delle vie della Forza, molto probabilmente, si tratterà semplicemente di una gran botta di culo.

A dirla tutta, anche Rogue One gioca sul campo della nostalgia,  per certi versi anche più di quanto abbia fatto "Il risveglio della forza": lo fa ponendosi come liaison perfetta (tra prima e seconda trilogia) e come regalo ai fan di quell'universo (regalo prodotto, evidentemente, da una generazione di fan) che è al contempo concentrazione ed espansione di quello stesso universo.

Da una parte...
Non ci saranno colpi di scena epocali o scoperte sensazionali per i fan della saga, chi ama l'universo saprà già abbastanza sulla missione che porta l'alleanza ribelle ad impossessarsi dei piani della Morte Nera (l'arma suprema dell'Impero, appena intravista nei primi tre episodi ed elemento portante della seconda trilogia).

D'altra parte...
Vengono introdotti sul grandeschermo una serie di elementi che potrebbero essere le basi di un'espansione dell'universo stesso, potenzialmente infinito e meraviglioso: è così che, ad esempio, vengono ufficialmente presentati agli spettatori i Cristalli Kyber, i Tempi Jedi con i loro guardiani e la fortezza di Darth Vader.

Il film è un'esperienza cinematografica abbastanza particolare per i fan, un susseguirsi di differenze-non-differenze che riportano all'infanzia, fanno sognare, entusiasmano, intristiscono.

Queste "non-differenze" sono un po' la chiave per la comprensione (e la riuscita) del titolo; ci troveremo, ad esempio, fin da subito immersi in un universo familiare ma... solo grazie a carrellate, colpi di regia ed oggetti di scena, non ci saranno infatti I titoli e la solita soundtrack; finanche ritroveremo volti noti ma... saranno prodotti della CGI con presenze fugaci che non accompagneranno gli eventi... e via così, con continue iniezioni di chicche nostalgiche, a mio parere molto ben gestite.

La storia è ambientata in un momento in cui l'universo di Star Wars vive l'apice dell'oscurantismo, il che dà un senso a quell'anonimato in cui si sono sempre celate le vicende del film (anche se si tratta di vicende che regolerenno, poi, gli eventi futuri di tutta la galassia...) ed anche per questo calzano bene "eroi" atipici, improvvisati, che non conoscono le vie della forza ma solo come stringere i denti ed affrontare guerriglie.

La realizzazione tecnica è grandiosa, mi è piaciuto quasi tutto del film, in particolare ho trovato il lavoro su mezzi e navi davvero degno di lode, oltre a vedere qualche magnifica new entry per caratterizzazione di personaggi e titolo, durante la visione ritroviamo la maestosità dei mezzi che ci han sempre fatto sognare: enormi camminatori AT-AT con nuove declinazioni di colori e dettagli ripresi in inquadrature spettacolari, gli incrociatori, la flotta ribelle, i caccia x-wing con le controparti imperiali e tantissimo altro...

Il film, tanto bello quanto malinconico, non è certo un film per non-fan, si può guardare senza conoscere l'universo di Lucas ma non ha molto senso farlo... già con tutto il resto in testa (e nel cuore) è difficile discuterne.

Molto bella l'idea di schierare in maniera un po' meno netta e precisa le "pedine del bene o del male", si ha la percezione di una dualità più complessa, di come l'universo in evoluzione si aggrovigli e LA FORZA si avvicini ad una sorta di concetto Yin/Yang.

Per quanto sia un capitolo con molta meno politica... non mancano frecciatine e spunti di riflessione, tra le cose che ho gradito meno c'è la forzatura di alcuni parallelismi con vicende più... terrestri: uno su tutti l'assalto alle truppe in perfetta strategia terroristica, con personaggi/location (finanche musica!) arabeggianti.

Alla fine, come sperato e previsto, è stato fichissimo andare al cinema (con cugini ed amici al seguito, ovviamente); per realizzazione tecnica, immersione nell'universo Lucas e chicche varie sparse per tutto il film... non posso fare che consigliarne la visione!

May the force be with you!

Ecco i post più letti del blog:

Funk Duo nel centro di Bari

"Funk 2uo": Vincenzo Gentile (tastiere) - Elio Arcieri (Voce) Di nuovo nel centro cittadino, di nuovo per la musica live, di nuovo al That's All. Ieri ero lì con amici per ascoltare i "Funk 2uo", duo di musicisti che prende vita dalla voce di Elio Arcieri e dalle tastiere di Vincenzo Gentile, e che propone la sua selezione di "funk, soul, lounge-bossa e jazz" attraverso brani di Jamiroquai, Terence Trent D'Arby, Pino Daniele, Sting e tanti altri... adattati al progetto musicale in maniera molto, molto interessante. L'interpretazione di alcuni brani è molto personalizzata, qualche fan degli artisti ripresi potrebbe non esserne entusiasta ma, soggettività a parte, lo spettacolo offerto è davvero ottimo: la voce, che conoscevo appena, è stata una piacevole conferma, coinvolgendo non poca curiosità (specialmente durante una bellissima "Set them free"); mentre le tastiere erano sotto le mani di una conoscenza trentennale, ed

TEDx Taranto - Sulle nuvole viaggiano le idee...

Giulia Innocenzi intervista il direttore artistico dell'evento. "Ideas worth spreading". Sono le parole che racchiudono i principi del marchio TED , un acronimo molto famoso che, se non conoscete, meriterebbe una piccola ricerca: troverete tantissime pagine, più o meno ufficali, che spiegano in dettaglio cos'è esattamente il TED ... e poi vi si aprirà un mondo di contenuti che viaggiano tra i mondi " Technology Entertainment Design ". In questo caso trattavasi di un evento indipendente, legato al già citato format, organizzato da un gruppo di giovanissimi pugliesi che, armati di una passione per la cultura davvero sorprendente, hanno invitato professionisti ed attivisti di diversi settori a divulgare scienza, arte, sport, idee, studi su nuove tecnologie e progetti umanitari. Hanno aperto l'evento il bravissimo musicista Marco Schnabl (di cui sono immediatamente diventato fan), con una splendida performance ( link al suo ultimo lavoro ), e l

Presentazione del rapporto "FUORI CAMPO" di Medici Senza Frontiere a Bari.

Ho provato vergogna. Arrivo a dibattito iniziato, ascolto, chiedo del materiale, apro, sfoglio... e subito salta all'occhio uno specchietto, uno su tutti, quello che riflette le immagini della città in cui vivo, e che riporta: "BARI, EX SET - Nel novembre 2014 il Comune di Bari trasferisce circa 170 rifugiati, provenienti da Corno d’Africa e Africa subsahariana e arrivati in Italia nel 2011 durante la cosiddetta “Emergenza Nord Africa”, da una struttura occupata - l’ex convento di “Santa Chiara” - in una tendopoli allestita all’interno di una fabbrica dismessa, l’Ex Set. L’intenzione è di limitare la permanenza a un massimo di 45 giorni, prima di procedere al trasferimento in un luogo più idoneo. I rifugiati si trovano tuttora nel capannone dell'Ex Set. Le condizioni di vita nella tendopoli sono indegne. Non ci sono porte e le finestre sono rotte. Escrementi di piccioni sono ovunque. In almeno un’occasione uno dei rifugiati è stato costretto a ricorrere alle cure di