Passa ai contenuti principali

Test Sony FE 28mm f/2 (SEL28F20)

Oggi un post di fotografia...

Il "SEL28F20" è un obiettivo grandangolare, lanciato sul mercato da Sony nel 2015 e che va ad aggiungersi al crescente parco ottiche per fotocamere mirrorless dotate del "giovane" attacco di tipo "E" (E-mount).

Nello specifico si tratta di un obiettivo per macchine con sensori full-frame, avente una lunghezza focale di 28mm (angolo di campo pari a 75.3°), con un diaframma ad apertura circolare da 9 lamelle avente l'apertura massima di f/2 e quella minima di f/22.

Lo schema ottico prevede 9 elementi in 8 gruppi di lenti, il tutto racchiuso in un barilotto estremamente compatto che misura 64x60mm (escludendo il paraluce a petalo, fornito in dotazione) e pesa 200g.

La struttura adotta un design resistente a polvere ed umidità che rappresenta un interessante valore aggiunto, specie se si considera che i 28mm sono una delle lunghezze focali d'elezione per generi quali street-photography, reportage e fotografia paesaggisstica.

L'obiettivo in questione è chiaramente progettato per essere quanto più comodo e versatile possibile, altri dettagli che contribuiscono a renderlo tale sono l'adozione di un sistema "internal focusing" (i movimenti sono tutti interni al barilotto quindi questo rimane di dimensioni costanti, senza estrusioni), un "motore lineare" (tecnologia che permette riprese video silenziose) e la possibilità di aggiungere lenti di conversione opzionali: un ultragrandangolare da 21mm (modello SEL28F20UWC) o un fisheye da 16mm (modello SEL28F2FEC), per ottenere così riprese ancora più ampie.

Sull'elemento frontale è possibile montare filtri dal diamtro di 49mm (stessa misura adottata da altri obiettivi E-mount) e la distanza minima di messa a fuoco (con AF) è di 0.29 metri.

Impressioni:

La qualità costruttiva è buona, pari a quella di lenti più costose, ed agganciando l'obiettivo alla macchina (nel mio caso una Sony A7II) la maneggevolezza della combinazione si fa notare immediatamente.

La distorsione prodotta è evidente ma non allarmante, è più o meno ciò che ci si può aspettare da un grandangolo di questo tipo ma è gestita benissimo dalle correzioni automatiche: in-camera, per i JPEG, o con l'applicazione del profilo lente via software, per i files RAW.

L'autofocus è sempre reattivo e preciso, non si sente la mancanza di un motore con tecnologia "ultrasonica".

La qualità d'immagine ottenibile è sempre molto molto gradevole, spesso sorprendente: la nitidezza centrale delle immagini è ottima, le stesse risultano ben contrastate e con una piacevolissima tridimensionalità, grazie anche ad uno sfocato bellissimo, estremamente morbido e cremoso.

La qualità d'immagine è buona in partenza (specialmente nella porzione centrale del frame), la lente è utilizzabile a tutta apertura, quando necessario, ma i risultati migliorano già chiudendo a F/2.8; a F/4-F/5.6 ci sono ulteriori miglioramenti (più visibili su lati ed angoli) ma la resa migliore (da parte a parte) la si ottiene probabilmente con diaframma a F/8. A F/11 le immagini sono ancora buone ma iniziano a subire l'incidenza della diffrazione. 

La lunghezza focale di 28mm risulta effettivamente molto versatile, prestandosi bene a passeggiate, gite fuori porta, scatti in interni e ad alcuni tipi di eventi. 

NB: anche la resa su corpi con sensore APS-C è degna di nota; tra gli esempi due foto durante un tramonto a Polignano a mare (Bari) con il Sony SEL28F20 montato su Sony A5100, il cui fattore di moltiplicazione (1.5) restituisce riprese equivalenti a quelle di una lente con lunghezza focale pari a 42mm su formato pieno.

Qualche scatto d'esempio:
(SEL28F20 su Sony A7II / A5100 - Scatti in RAW con postproduzione in Adobe Lightroom)


Brindo con un amico ad una degustazione di oli d'oliva - Giovinazzo (Bari) 2016

Hibiscus rosso sotto una bouganville - Malfa, (Salina / Isole Eolie) 2016

Sean: golden retriever - Malfa (Salina / Isole Eolie) 2016

Imbarcazione al rientro - Polignano a mare (Bari) 2016 / 16:9 / APS-C

Scoglio dell'eremita - Polignano a mare (Bari) 2016 - (Stitched pano / 4 vertical shots/ APS-C)

Affaccio sul mare con gabbiani - Torre Quetta (Bari) 2016

Michael Nyman in concerto nel chiostro - Ostuni (Brindisi) 2016

Alberto Bianco - Live set - Docks 101, Locorotondo (Bari) - 2016


Link al prodotto su Amazon:
Sony SEL28F20 Obiettivo 28mm f2.0

Ecco i post più letti del blog:

Funk Duo nel centro di Bari

"Funk 2uo": Vincenzo Gentile (tastiere) - Elio Arcieri (Voce) Di nuovo nel centro cittadino, di nuovo per la musica live, di nuovo al That's All. Ieri ero lì con amici per ascoltare i "Funk 2uo", duo di musicisti che prende vita dalla voce di Elio Arcieri e dalle tastiere di Vincenzo Gentile, e che propone la sua selezione di "funk, soul, lounge-bossa e jazz" attraverso brani di Jamiroquai, Terence Trent D'Arby, Pino Daniele, Sting e tanti altri... adattati al progetto musicale in maniera molto, molto interessante. L'interpretazione di alcuni brani è molto personalizzata, qualche fan degli artisti ripresi potrebbe non esserne entusiasta ma, soggettività a parte, lo spettacolo offerto è davvero ottimo: la voce, che conoscevo appena, è stata una piacevole conferma, coinvolgendo non poca curiosità (specialmente durante una bellissima "Set them free"); mentre le tastiere erano sotto le mani di una conoscenza trentennale, ed

TEDx Taranto - Sulle nuvole viaggiano le idee...

Giulia Innocenzi intervista il direttore artistico dell'evento. "Ideas worth spreading". Sono le parole che racchiudono i principi del marchio TED , un acronimo molto famoso che, se non conoscete, meriterebbe una piccola ricerca: troverete tantissime pagine, più o meno ufficali, che spiegano in dettaglio cos'è esattamente il TED ... e poi vi si aprirà un mondo di contenuti che viaggiano tra i mondi " Technology Entertainment Design ". In questo caso trattavasi di un evento indipendente, legato al già citato format, organizzato da un gruppo di giovanissimi pugliesi che, armati di una passione per la cultura davvero sorprendente, hanno invitato professionisti ed attivisti di diversi settori a divulgare scienza, arte, sport, idee, studi su nuove tecnologie e progetti umanitari. Hanno aperto l'evento il bravissimo musicista Marco Schnabl (di cui sono immediatamente diventato fan), con una splendida performance ( link al suo ultimo lavoro ), e l

Presentazione del rapporto "FUORI CAMPO" di Medici Senza Frontiere a Bari.

Ho provato vergogna. Arrivo a dibattito iniziato, ascolto, chiedo del materiale, apro, sfoglio... e subito salta all'occhio uno specchietto, uno su tutti, quello che riflette le immagini della città in cui vivo, e che riporta: "BARI, EX SET - Nel novembre 2014 il Comune di Bari trasferisce circa 170 rifugiati, provenienti da Corno d’Africa e Africa subsahariana e arrivati in Italia nel 2011 durante la cosiddetta “Emergenza Nord Africa”, da una struttura occupata - l’ex convento di “Santa Chiara” - in una tendopoli allestita all’interno di una fabbrica dismessa, l’Ex Set. L’intenzione è di limitare la permanenza a un massimo di 45 giorni, prima di procedere al trasferimento in un luogo più idoneo. I rifugiati si trovano tuttora nel capannone dell'Ex Set. Le condizioni di vita nella tendopoli sono indegne. Non ci sono porte e le finestre sono rotte. Escrementi di piccioni sono ovunque. In almeno un’occasione uno dei rifugiati è stato costretto a ricorrere alle cure di