Passa ai contenuti principali

Serie "Stranger Things" by Netflix - Il consiglio senza spoiler


C'è tutto.

Più precisamente: c'è tutto ciò che potrebbe esserci per chi ama e porta sempre con sè i mitici "eighties", poco importa che li si porti nel cuore... o sulla carta di identità.

"Stranger Things" - 15 luglio 2016 - è l'ultimo "piccolo" capolavoro targato Netflix: una serie tv in stile anni 80 prodotta a regola d'arte, che riproduce alla perfezione l'atmosfera peculiare di alcune produzioni (ormai trentennali) che han fatto scuola, e coivolge gli spettatori in un'avventura fanta-thriller con le sfumature dark di un horror accessibile a tutti.

Sembra che Rob Reiner, John Carpenter, Wes Craven, King, Spielberg ed ovviamente Lucas... siano stati tutti lì, a divertirsi nel backstage, con al centro Richard Donner, e sembra che tutti abbian voluto brindare a quel periodo che tanto avrebbe da insegnare, in materia di produzioni sci-fi, alle realtà "più evolute" che sono seguite.

Difficile scegliere se lodare prima la regia o il cast, c'è dell'eccellenza da entrambi i lati della macchina da presa, a mio parere.

Alla direzione ci sono i fratelli Matt e Ross Duffer, che partono proprio con l'intenzione di realizzare un omaggio agli anni 80, ed ottengono un risultato splendido, unendo alla perfezione idee, regia e tecnologia.
Le tecniche di ripresa si legano in maniera artistica agli effetti vintage, la colonna sonora ed i synth ipnotici del "main theme" fanno da raggio traente per tutta l'opera; il tutto risulta avere un'impronta unica, decisamente distintiva nel panorama contemporaneo, forse rivoluzionaria.

Di fronte alle macchine da presa c'è poi un cast meraviglioso, con nota di lode per i volti giovanissimi, che non dovrebbero saperne molto di quel mondo che stanno inscenando, eppure... risultano perfetti per un teen-movie ambientato nel 1983.
Sono Finn Wolfhard, Millie Bobbi Brown, Gaten Matarazzo e Caleb McLaughlin, e sono fantastici quanto coloro che li han selezionati.
Non sono da meno gli attori più grandi, specialmente quelli già noti (Winona Ryder, David Harbour, Matthew Modine), che non arrivano certo allo spessore dei colleghi più piccoli, ma danno comunque un bel corpo alle vicende :)

L'inaspettata forza maggiore di questa produzione è sicuramente racchiusa nella morsa nostalgica, in quell'effetto tanto stupefacente quanto malinconico che trascina nel piccolo schermo gli "spettatori perfetti", quelli in grado di raccogliere le numerosissime citazioni disseminate nelle 8 puntate.
Per questi... ci sono colpi al cuore.

Immaginate di chiedervi cosa possa accomunare: The Clash, Star Wars, Radagast, l'andare in due sulla bici, Dungeons & Dragons, Darth Vader e Yoda, baracchini e walkie talkie, The Goonies, The thing, i fortini di campagna, una fionda, i walkman e i radioloni, il Millennium Falcon, le location di J.R.R. Tolkien, Il prof. X della Marvel, l'Africa dei Toto, E.T., gli X-Men... siete in overdose o del tutto smarriti?

Beh... poco importa, i meno vicini al background culturale nerd potranno interpretare le citazioni come consigli: se la lista precedente vi fa sentire smarriti... avete tanto da recuperare e con cui sognare.
Se, al contrario, avete il battito accellerato già solo leggendo... sappiate che Stranger Things vi farà viaggiare, e vi farà tornare in mente TUTTO: le nottate con gli amici, le prime esperienze di gioco, le esplorazioni e le avventure, lacrime, sorrisi e forse finanche il primo bacio.

Ovviamente non rivelerò nulla in questa sede, ed il giudizio l'avrete già dedotto dai complimenti sparsi, quindi... questa è una di quelle volte in cui LA domanda, quella voce ridondante che la testa di molti intona ed urla... ha una risposta facile, ed è anch'essa urlata:

- Stranger Things, Should I Stay Or Should I Go?!?
- GO!

Ecco i post più letti del blog:

TEDx Taranto - Sulle nuvole viaggiano le idee...

Giulia Innocenzi intervista il direttore artistico dell'evento. "Ideas worth spreading". Sono le parole che racchiudono i principi del marchio TED , un acronimo molto famoso che, se non conoscete, meriterebbe una piccola ricerca: troverete tantissime pagine, più o meno ufficali, che spiegano in dettaglio cos'è esattamente il TED ... e poi vi si aprirà un mondo di contenuti che viaggiano tra i mondi " Technology Entertainment Design ". In questo caso trattavasi di un evento indipendente, legato al già citato format, organizzato da un gruppo di giovanissimi pugliesi che, armati di una passione per la cultura davvero sorprendente, hanno invitato professionisti ed attivisti di diversi settori a divulgare scienza, arte, sport, idee, studi su nuove tecnologie e progetti umanitari. Hanno aperto l'evento il bravissimo musicista Marco Schnabl (di cui sono immediatamente diventato fan), con una splendida performance ( link al suo ultimo lavoro ), e l

Funk Duo nel centro di Bari

"Funk 2uo": Vincenzo Gentile (tastiere) - Elio Arcieri (Voce) Di nuovo nel centro cittadino, di nuovo per la musica live, di nuovo al That's All. Ieri ero lì con amici per ascoltare i "Funk 2uo", duo di musicisti che prende vita dalla voce di Elio Arcieri e dalle tastiere di Vincenzo Gentile, e che propone la sua selezione di "funk, soul, lounge-bossa e jazz" attraverso brani di Jamiroquai, Terence Trent D'Arby, Pino Daniele, Sting e tanti altri... adattati al progetto musicale in maniera molto, molto interessante. L'interpretazione di alcuni brani è molto personalizzata, qualche fan degli artisti ripresi potrebbe non esserne entusiasta ma, soggettività a parte, lo spettacolo offerto è davvero ottimo: la voce, che conoscevo appena, è stata una piacevole conferma, coinvolgendo non poca curiosità (specialmente durante una bellissima "Set them free"); mentre le tastiere erano sotto le mani di una conoscenza trentennale, ed

Presentazione del rapporto "FUORI CAMPO" di Medici Senza Frontiere a Bari.

Ho provato vergogna. Arrivo a dibattito iniziato, ascolto, chiedo del materiale, apro, sfoglio... e subito salta all'occhio uno specchietto, uno su tutti, quello che riflette le immagini della città in cui vivo, e che riporta: "BARI, EX SET - Nel novembre 2014 il Comune di Bari trasferisce circa 170 rifugiati, provenienti da Corno d’Africa e Africa subsahariana e arrivati in Italia nel 2011 durante la cosiddetta “Emergenza Nord Africa”, da una struttura occupata - l’ex convento di “Santa Chiara” - in una tendopoli allestita all’interno di una fabbrica dismessa, l’Ex Set. L’intenzione è di limitare la permanenza a un massimo di 45 giorni, prima di procedere al trasferimento in un luogo più idoneo. I rifugiati si trovano tuttora nel capannone dell'Ex Set. Le condizioni di vita nella tendopoli sono indegne. Non ci sono porte e le finestre sono rotte. Escrementi di piccioni sono ovunque. In almeno un’occasione uno dei rifugiati è stato costretto a ricorrere alle cure di