Passa ai contenuti principali

Roger Waters The Wall: you better run



Coi nervi a fior di pelle, quando il guscio si infrange ed i martelli buttano giù la tua porta... è meglio che tu corra.
("With your nerves in tatters as the cockshell shatters | and the hammers batter down your door | You better run." - da Run Like Hell, The Wall, disco 2, n.° 9)

Io ho dovuto correre, anche contromano, per riprendere Waters.
Avevo -2 anni quando i Pink Floyd pubblicarono The Wall.
E sembra ieri.

O almeno... ieri lo sembrava ieri, durante tutti i 165 minuti di estasi: pelle d'oca, battiti ed occhi lucidi per la psichedelia che ha fatto storia, ed una teatralità senza precedenti.

Il film è un montaggio che alterna tappe del tour al girato introspettivo di Waters, impegnato tra Francia e Italia per rendere omaggio ai due padri, il cui ricordo è stato negato dalle guerre. Un padre per guerra.

"Tutto sommato è solo un altro mattone nel muro. Tutto sommato siete solo un altro mattone nel muro."
("All in all it's just another brick in the wall | all in all you're just another brick in the wall." - da Another Brick in the Wall part II, The Wall, disco 1, n.º 5)

Il muro costruito da Waters è senza tempo, senza misure, esattamente come la sua espressione artistica, esattamente come la guerra, ed i morti che vengono salutati, sparsi per un secolo, d'ogni colore, dal Salento alla Cambogia, da Cassino a Nassiriya.

Un muro di mattoni, un muro di persone: emozioni sovrapposte e coscienze infrante.

Tutto lo spettacolo è ben oltre la musica (o la storia di Pink)... i solchi di lacrime che Liam Neeson descrive in apertura (provocati da Waters, artista del '43)... tornano evidenti a più riprese, fino alle immagini di un paio di ragazzi, in testa a tutti quelli dell'oceano, probabilmente degli anni '90, che in prima fila cantano esaurendo la voce, braccia al cielo... anche loro solcando il viso.

Non è solo per i fan, per quelli è d'obbligo, per tutti gli altri è un ricordo, un pezzo di storia, una scoperta.

Roger riesce a celebrare la guerra, la richiama e la incorona come fallimento supremo dell'uomo.

 

E la musica... la presenza interna ed esterna, collega entrambi i lati del muro, parla dentro e fuori dal guscio, urla da un microfono murato all'oceano di persone, alle quali vien chiesto di fissare dei mattoni; così lo spettatore vien messo di fronte al muro, deve fidarsi di una chitarra che stride per comprendere, almeno in parte, ciò che non è a portata degli occhi.

In The Wall si ascoltano degli arrangiamenti evocativi, eseguiti su un palco incredibile: "Happiest Days Of Our Lives" (con al seguito "Another Brick in The Wall") mette i brividi, ed alcune esecuzioni (su tutte: "Comfortably Numb" & "Mother") hanno un profilo artistico commovente.

È così, mattone dopo mattone, Waters sembra costruire un'interrogazione: sull'incomprensibile comunicazione tra uomini, sulla prigionia dei conflitti, sulle illusioni degli schieramenti e sulle barriere nelle quali l'uomo si costringe: quelle imposte, quelle inutili ma rispettate, quelle immaginarie e, talvolta, quelle precedentemente già distrutte.

"Doveva esserci una porta nel muro, quando sono entrato."
("There must have been a door there in the wall | when i came in." - da The Trial, The Wall, disco 2, n.° 12) 

Ancora oggi corro, per riprendere Roger Waters.
Ancora oggi vedo tanti correre contromano.

Bari, 36 anni dopo,
V.

Ecco i post più letti del blog:

TEDx Taranto - Sulle nuvole viaggiano le idee...

Giulia Innocenzi intervista il direttore artistico dell'evento. "Ideas worth spreading". Sono le parole che racchiudono i principi del marchio TED , un acronimo molto famoso che, se non conoscete, meriterebbe una piccola ricerca: troverete tantissime pagine, più o meno ufficali, che spiegano in dettaglio cos'è esattamente il TED ... e poi vi si aprirà un mondo di contenuti che viaggiano tra i mondi " Technology Entertainment Design ". In questo caso trattavasi di un evento indipendente, legato al già citato format, organizzato da un gruppo di giovanissimi pugliesi che, armati di una passione per la cultura davvero sorprendente, hanno invitato professionisti ed attivisti di diversi settori a divulgare scienza, arte, sport, idee, studi su nuove tecnologie e progetti umanitari. Hanno aperto l'evento il bravissimo musicista Marco Schnabl (di cui sono immediatamente diventato fan), con una splendida performance ( link al suo ultimo lavoro ), e l

Funk Duo nel centro di Bari

"Funk 2uo": Vincenzo Gentile (tastiere) - Elio Arcieri (Voce) Di nuovo nel centro cittadino, di nuovo per la musica live, di nuovo al That's All. Ieri ero lì con amici per ascoltare i "Funk 2uo", duo di musicisti che prende vita dalla voce di Elio Arcieri e dalle tastiere di Vincenzo Gentile, e che propone la sua selezione di "funk, soul, lounge-bossa e jazz" attraverso brani di Jamiroquai, Terence Trent D'Arby, Pino Daniele, Sting e tanti altri... adattati al progetto musicale in maniera molto, molto interessante. L'interpretazione di alcuni brani è molto personalizzata, qualche fan degli artisti ripresi potrebbe non esserne entusiasta ma, soggettività a parte, lo spettacolo offerto è davvero ottimo: la voce, che conoscevo appena, è stata una piacevole conferma, coinvolgendo non poca curiosità (specialmente durante una bellissima "Set them free"); mentre le tastiere erano sotto le mani di una conoscenza trentennale, ed

Presentazione del rapporto "FUORI CAMPO" di Medici Senza Frontiere a Bari.

Ho provato vergogna. Arrivo a dibattito iniziato, ascolto, chiedo del materiale, apro, sfoglio... e subito salta all'occhio uno specchietto, uno su tutti, quello che riflette le immagini della città in cui vivo, e che riporta: "BARI, EX SET - Nel novembre 2014 il Comune di Bari trasferisce circa 170 rifugiati, provenienti da Corno d’Africa e Africa subsahariana e arrivati in Italia nel 2011 durante la cosiddetta “Emergenza Nord Africa”, da una struttura occupata - l’ex convento di “Santa Chiara” - in una tendopoli allestita all’interno di una fabbrica dismessa, l’Ex Set. L’intenzione è di limitare la permanenza a un massimo di 45 giorni, prima di procedere al trasferimento in un luogo più idoneo. I rifugiati si trovano tuttora nel capannone dell'Ex Set. Le condizioni di vita nella tendopoli sono indegne. Non ci sono porte e le finestre sono rotte. Escrementi di piccioni sono ovunque. In almeno un’occasione uno dei rifugiati è stato costretto a ricorrere alle cure di