Passa ai contenuti principali

Interstellar



Interstellar è un film alla portata di tutti, ma non per tutti.

Torno dal cinema... e devo consigliarvelo, poichè torno colmo di una soddisfazione dal retrogusto raro e nostalgico.

Nolan ci regala un capolavoro di fantascienza REALE, in puro stile classico, e ce lo regala confezionato nel migliore dei modi, con uno splendido effetto sorpresa ed in un momento in cui... "ne avevamo veramente bisogno".

La prima cosa che mi viene in mente è quella di definire l'opera citando l'opera stessa: gargantuesca. E questa si, è una cosa importante: poichè è al contempo onore (al merito d'artista), ed asserzione tautologica che, pure, calza a pennello in questo umile crogiuolo di scritto (per i filobuddisti... "Kensho is a Kensho-experience"), l'idea di un'esperienza utile per definire sé stessa si trova , infatti, fantasticamente a braccetto con un ponte di Einsten-Rosen).

Ricco di citazioni, conosce lo spettatore da tempo, e lo coinvolge in una maniera amichevolmente subdola... fino a farlo sedere tra gli attori per 169 minuti. Il cast, eccellente, mantiene tutte le promesse (McConaughey in testa), come fanno anche le musiche (Hans Zimmer) e l'universo, tutto.

(Era dal 1997, dagli archi di Michael Nyman per GATTACA, che non sentivo una colonna sonora così meravigliosamente cucita sulla fantasia di un viaggio...)

Se credete che la fantascienza siano mostri, umanoidi, tentacoli e sangue... scie di fiamme colorate e suoni elettronici oltre la quota della stratosfera... lasciate perdere. (Personalmente adoro tutta quella roba, ma qui parliamo d'altro...). E poi, hanno già scomodato la mitologia norrena, se non avete capito come fanno gli Asgardiani a scendere e baciare le nostre fanciulle, beh... è la relatività di un wormhole: non può essere "materia chiara" per tutti. :D

Non leggerete spoiler... ma il grande schermo è obbligatorio.

I fan del genere impazziranno, qualcuno come me tornerà bambino e... chi è disposto a seguire con attenzione cosa può essere la fantascienza, potrebbe rimanere piacevolmente stupito.

Intertellar è un film alla portata di tutti, ma non per tutti.

Ecco i post più letti del blog:

TEDx Taranto - Sulle nuvole viaggiano le idee...

Giulia Innocenzi intervista il direttore artistico dell'evento. "Ideas worth spreading". Sono le parole che racchiudono i principi del marchio TED , un acronimo molto famoso che, se non conoscete, meriterebbe una piccola ricerca: troverete tantissime pagine, più o meno ufficali, che spiegano in dettaglio cos'è esattamente il TED ... e poi vi si aprirà un mondo di contenuti che viaggiano tra i mondi " Technology Entertainment Design ". In questo caso trattavasi di un evento indipendente, legato al già citato format, organizzato da un gruppo di giovanissimi pugliesi che, armati di una passione per la cultura davvero sorprendente, hanno invitato professionisti ed attivisti di diversi settori a divulgare scienza, arte, sport, idee, studi su nuove tecnologie e progetti umanitari. Hanno aperto l'evento il bravissimo musicista Marco Schnabl (di cui sono immediatamente diventato fan), con una splendida performance ( link al suo ultimo lavoro ), e l

Funk Duo nel centro di Bari

"Funk 2uo": Vincenzo Gentile (tastiere) - Elio Arcieri (Voce) Di nuovo nel centro cittadino, di nuovo per la musica live, di nuovo al That's All. Ieri ero lì con amici per ascoltare i "Funk 2uo", duo di musicisti che prende vita dalla voce di Elio Arcieri e dalle tastiere di Vincenzo Gentile, e che propone la sua selezione di "funk, soul, lounge-bossa e jazz" attraverso brani di Jamiroquai, Terence Trent D'Arby, Pino Daniele, Sting e tanti altri... adattati al progetto musicale in maniera molto, molto interessante. L'interpretazione di alcuni brani è molto personalizzata, qualche fan degli artisti ripresi potrebbe non esserne entusiasta ma, soggettività a parte, lo spettacolo offerto è davvero ottimo: la voce, che conoscevo appena, è stata una piacevole conferma, coinvolgendo non poca curiosità (specialmente durante una bellissima "Set them free"); mentre le tastiere erano sotto le mani di una conoscenza trentennale, ed

Presentazione del rapporto "FUORI CAMPO" di Medici Senza Frontiere a Bari.

Ho provato vergogna. Arrivo a dibattito iniziato, ascolto, chiedo del materiale, apro, sfoglio... e subito salta all'occhio uno specchietto, uno su tutti, quello che riflette le immagini della città in cui vivo, e che riporta: "BARI, EX SET - Nel novembre 2014 il Comune di Bari trasferisce circa 170 rifugiati, provenienti da Corno d’Africa e Africa subsahariana e arrivati in Italia nel 2011 durante la cosiddetta “Emergenza Nord Africa”, da una struttura occupata - l’ex convento di “Santa Chiara” - in una tendopoli allestita all’interno di una fabbrica dismessa, l’Ex Set. L’intenzione è di limitare la permanenza a un massimo di 45 giorni, prima di procedere al trasferimento in un luogo più idoneo. I rifugiati si trovano tuttora nel capannone dell'Ex Set. Le condizioni di vita nella tendopoli sono indegne. Non ci sono porte e le finestre sono rotte. Escrementi di piccioni sono ovunque. In almeno un’occasione uno dei rifugiati è stato costretto a ricorrere alle cure di