Passa ai contenuti principali

Apes revolution: diamo a Cesare quel che è di Cesare

Diamo a Cesare quel che è di Cesare.

Che siate fan della saga o semplici appassionati di fantascienza... non vi aspettate un gioiellino sci-fi che vi terrà incollati mescolando a dovere trama e scintille dei moti rivoluzionari primateschi. 
Questo capitolo della saga perde di fatto la preziosità da romanzo e restituisce un'esperienza da filler, prevalentemente belligerante e, fondamentalmente, già vista su schermi di ogni diagonale... pelliccia più, pelliccia meno.
Buona l'idea di fondo (o forse quella originale ormai ultracinquantenne), buona la computer grafica, bona Keri Russel e buonissimo il trailer, ma il film... non prende come dovrebbe.

Come Charlton Heston si disperava, nello scoprire ciò che il mondo "degli uomini" aveva (con tutta probabilità) fatto... così Cesare è afflitto per ciò che il mondo "degli animali" STA facendo, e qui viene regalato il passaggio più interessante, che vede Cesare (ora più saggio e leader di una specie in rapida evoluzione) riflettere sulle esperienze, scoprendo che le componenti di bene e male sono probabilmente parte del mondo allo stato naturale, accettando qualcosa che, evidentemente, ormai sfugge alla specie controparte, che invece si muove verso il ritorno ad una vita primitiva: "siamo come loro".
Ed è puntando il dito su questa realtà presente che viene giustificata la guerra; poichè per quanto dolorosa e distruttiva, quando una guerra è già iniziata: "l'uomo non perdona".
 
Nonostante tutte le premesse per tirar fuori qualcosa di molto buono, la durata si fa sentire parecchio senza che qualcosa scuota realmente chi segue le vicende, in qualche modo si sapeva già tutto.

Solo per appassionati, possibilmente a prezzo ridotto.

V.

 

Ecco i post più letti del blog:

Funk Duo nel centro di Bari

"Funk 2uo": Vincenzo Gentile (tastiere) - Elio Arcieri (Voce) Di nuovo nel centro cittadino, di nuovo per la musica live, di nuovo al That's All. Ieri ero lì con amici per ascoltare i "Funk 2uo", duo di musicisti che prende vita dalla voce di Elio Arcieri e dalle tastiere di Vincenzo Gentile, e che propone la sua selezione di "funk, soul, lounge-bossa e jazz" attraverso brani di Jamiroquai, Terence Trent D'Arby, Pino Daniele, Sting e tanti altri... adattati al progetto musicale in maniera molto, molto interessante. L'interpretazione di alcuni brani è molto personalizzata, qualche fan degli artisti ripresi potrebbe non esserne entusiasta ma, soggettività a parte, lo spettacolo offerto è davvero ottimo: la voce, che conoscevo appena, è stata una piacevole conferma, coinvolgendo non poca curiosità (specialmente durante una bellissima "Set them free"); mentre le tastiere erano sotto le mani di una conoscenza trentennale, ed

TEDx Taranto - Sulle nuvole viaggiano le idee...

Giulia Innocenzi intervista il direttore artistico dell'evento. "Ideas worth spreading". Sono le parole che racchiudono i principi del marchio TED , un acronimo molto famoso che, se non conoscete, meriterebbe una piccola ricerca: troverete tantissime pagine, più o meno ufficali, che spiegano in dettaglio cos'è esattamente il TED ... e poi vi si aprirà un mondo di contenuti che viaggiano tra i mondi " Technology Entertainment Design ". In questo caso trattavasi di un evento indipendente, legato al già citato format, organizzato da un gruppo di giovanissimi pugliesi che, armati di una passione per la cultura davvero sorprendente, hanno invitato professionisti ed attivisti di diversi settori a divulgare scienza, arte, sport, idee, studi su nuove tecnologie e progetti umanitari. Hanno aperto l'evento il bravissimo musicista Marco Schnabl (di cui sono immediatamente diventato fan), con una splendida performance ( link al suo ultimo lavoro ), e l

Presentazione del rapporto "FUORI CAMPO" di Medici Senza Frontiere a Bari.

Ho provato vergogna. Arrivo a dibattito iniziato, ascolto, chiedo del materiale, apro, sfoglio... e subito salta all'occhio uno specchietto, uno su tutti, quello che riflette le immagini della città in cui vivo, e che riporta: "BARI, EX SET - Nel novembre 2014 il Comune di Bari trasferisce circa 170 rifugiati, provenienti da Corno d’Africa e Africa subsahariana e arrivati in Italia nel 2011 durante la cosiddetta “Emergenza Nord Africa”, da una struttura occupata - l’ex convento di “Santa Chiara” - in una tendopoli allestita all’interno di una fabbrica dismessa, l’Ex Set. L’intenzione è di limitare la permanenza a un massimo di 45 giorni, prima di procedere al trasferimento in un luogo più idoneo. I rifugiati si trovano tuttora nel capannone dell'Ex Set. Le condizioni di vita nella tendopoli sono indegne. Non ci sono porte e le finestre sono rotte. Escrementi di piccioni sono ovunque. In almeno un’occasione uno dei rifugiati è stato costretto a ricorrere alle cure di